Milano Design Week: un’edizione “ponte” dopo la pandemia

3 Settembre 2021

Dal 4 al 10 settembre Milano si riappropria del suo primato di città del design con un’edizione speciale e “fuori stagione” della Milano Design Week.
Appuntamento presso la Fiera Milano Rho per il Supersalone, il nuovo format dello storico Salone del Mobile, e con i tanti eventi del Fuorisalone 2021, disseminati per i quartieri del capoluogo lombardo.

Design, condivisione e sostenibilità sono le parole chiave del Supersalone

Supersalone: il nuovo format del Salone del Mobile alla Milano Design Week

Nato nel 1961, il Salone del Mobile si tiene ormai da anni in aprile ed è un evento chiave per l’economia milanese. Causa pandemia, l’edizione 2020 è saltata. Ma dopo due rinvii e lunghe discussioni sull’opportunità o meno di organizzarlo anche in questo 2021, si è scelto di puntare su un formato differente.
Nuovo nome: Supersalone.
Nuove date: 5 – 8 settembre.
Un curatore speciale: l’architetto e urbanista Stefano Boeri.

«Ho subito pensato che la sfida di immaginare un’edizione 2021 del Salone in una situazione oggettivamente molto difficile come quella della post pandemia, a pochi mesi di distanza dal Salone del 2022, che segnerà un traguardo importante, fosse bellissima. Perché si trattava di dare un segno di presenza di Milano e dell’Italia nel panorama internazionale» ha dichiarato Boeri. Aggiungendo che sarà «imperdibile perché vedrà per la prima volta insieme i grandi brand del design, i giovani makers, le scuole internazionali, le grandi icone del design, i più grandi chef italiani e molti protagonisti della scena dell’arte e dell’architettura» e «perché in un momento difficile della nostra storia, abbiamo raccolto il coraggio, la passione e la generosità della parte migliore dell’imprenditoria e della creatività italiana. Supersalone è la risposta solare di una “SuperItalia” alla lunga notte della pandemia».

L’appuntamento presso la Fiera Milano Rho sarà un ibrido di digitale e fisico (phygital, come si suol dire). Saranno presenti più di 420 marchi, 50 designer indipendenti e 170 progetti provenienti da quasi 50 scuole internazionali. E poi tante mostre, incontri e conferenze.
Sulla piattaforma digitale del Salone sarà possibile seguire online gli eventi. Per la prima volta in assoluto, inoltre, si potranno prenotare e acquistare i prodotti presentati.
L’allestimento è ideato nell’ottica della sostenibilità e della circolarità. Realizzato con assi di legno e giunti in metallo, si potrà smontare e riassemblare ovunque. Infine, attraverso il progetto Forestami, i visitatori saranno accolti da un bosco urbano di 100 alberi.

Il Fuorisalone “diffuso” per la città

Nato spontaneamente nei primi anni ’80 come manifestazione collaterale del Salone del Mobile, il Fuorisalone si è trasformato in un gigantesco evento collettivo che interessa tutta la città. Tenutosi in aprile in un’edizione solo digitale, tornerà per vie di Milano dal 4 al 10 settembre, anch’esso in versione phygital, online e offline.
Il tema centrale sarà quello delle “Nuove forme dell’abitare”, argomento assolutamente cruciale in un momento storico in cui gli spazi domestici stanno cambiando alla luce delle nuove necessità e dei nuovi paradigmi innescati dalla pandemia.
«È in questo scenario in continua evoluzione che gli appuntamenti di Fuorisalone restituiranno una fotografia in equilibrio tra design, arte, architettura e antropologia, con particolare attenzione ai temi del design circolare, della sostenibilità e del wellbeing» spiega infatti il comunicato stampa.

Con la preziosissima Fuorisalone Design Guide — con tanto di affollatissima mappa — si può vedere tutto ciò che ci sarà, così da creare il proprio itinerario.

I luoghi del Fuorisalone durante la Milano Design Week: Brera, Tortona, 5VIE e Isola

Come ogni anno, quasi l’intera città si animerà all’insegna del design, dalle grandi aziende internazionali fino ai piccoli produttori e i nuovi artigiani, senza dimenticare le sperimentazioni e le ricerche delle scuole di progettazione di tutto il mondo.

    • Brera Design Week: saranno più di 80 le location coinvolte tra quelle del noto quartiere in cui si trovano gli showroom di alcuni tra i più prestigiosi marchi mondiali dell’arredo. Tra negozi permanenti e spazi temporanei ci saranno mostre, presentazioni e performance.
    • Zona Tortona: è il cuore pulsante del Fuorisalone. Tra gli “hightlights” troviamo R/EVOLUTION, nuovo format espositivo con diverse mostre e due padiglioni interattivi presso Superstudio Più (via Tortona 27). L’evento fa parte del Super Design Show, insieme a Design Beyond Design, che si terrà invece negli spazi di Superstudio Maxi (via Moncucco 35).
      E poi la Tortona Design Week, con tante aziende nazionali e internazionali e il progetto IN – OUT, perception of sustainability, «che interpreta il cambiamento come un’occasione per intraprendere una crescita collettiva nel segno della sostenibilità e dell’innovazione».
      Tortona Rocks è invece il format progettuale curato da Milano Space Makers, che punterà su progetti visionari per il futuro.
      I grandi spazi di BASE, saranno infine la cornice di We Will Design, che coinvolgerà designer da tutto il mondo, università, istituzioni, aziende e brand emergenti per sperimentare e cercare soluzioni innovative per questi tempi incerti. «Dal micro-mondo di una stanza-atelier, alla dimensione collettiva del quartiere fino allo sguardo sull’ecosistema Terra, attraverso il design».
    • 5VIE: il distretto, nel centro di Milano, focalizzerà l’attenzione sul concetto di “azione”, con numerose mostre, installazioni ed eventi performativi. Ogni anno 5VIE dedica la manifestazione a un Maestro del design, che quest’anno sarà AG Fronzoni (1923-2002).
    • Isola Design District: l’omonimo quartiere, negli ultimi anni al centro di una grande opera di riqualificazione, ospiterà designer emergenti con un focus su progetti di design sostenibile.
    • Green Island: sempre in zona Isola, da quasi un ventennio porta avanti iniziative sul verde urbano.

I luoghi del Fuorisalone durante la Milano Design Week: Alpha District, Palazzo Litta, Alcova e DOS

  • Alpha District: è il più giovane e il più grande tra i distretti del Fuorisalone, nato per dare nuova linfa e una nuova immagine alla zona Portello. Situato nell’area Nord-Ovest della città, un tempo era sede dello stabilimento Alfa Romeo. Tra molte mostre e installazioni, ci sarà anche un progetto (Hysteria) per ragionare sul tema della donna.
  • Palazzo Litta (corso Magenta 24): sede del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo di Milano, ospiterà Design Variations 2021. A cura dello studio MoscaPartners, vedrà alcuni protagonisti del mondo della progettazione, delle istituzioni e delle aziende celebrare il design internazionale.
  • Alcova: in via Simone Saint Bon 1, 3500mq all’insegna del design indipendente.
  • DOS: acronimo che sta per Design Open Spaces. Si tratta di un distretto “virtuale” e diffuso, in cui i luoghi fisici e quelli digitali interagiscono, grazie alla realtà aumentata, in una mostra disseminata per la città.

Milano Design Week: un’edizione “ponte” dopo la pandemia