Le sfide eco-friendly delle vernici Renner in un servizio di Verniciatura del legno

Riciclare di più, abbassare le emissioni, usare energia pulita, impiegare vernici all’acqua. Sono solo alcune soluzioni per migliorare la salute dell’ambiente che ci circonda. Renner Italia, con le sue vernici per il legno, è in prima linea nella lotta per la salvaguardia dell’ambiente. Sul tema è tornato Manuel Siragna, direttore commerciale di Renner Italia, in un’intervista rilasciata a VDL – Verniciatura del legno e altri materialiIn particolare, Siragna ha parlato dell’innovativa latta Evergreen, l’imballo che riduce drasticamente lo smaltimento dei rifiuti speciali.

Di seguito riportiamo l’intervista integrale.

 

Innovazioni

Le sfide eco-friendly di Renner Italia

 

VDL – Il concetto di sostenibilità nella vostra azienda ha fatto da filo conduttore in tutte le vostre attività, fin dalla data della vostra fondazione, il 2004. Quali sono gli elementi di differenziazione rispetto al mercato?

Manuel Siragna – Le iniziative in chiave ambientalista di Renner Italia sono declinate in ogni attività dell’azienda: gli impianti produttivi sono alimentati da fonti rinnovabili, sia solare che eolica, a biomassa e idroelettrica. L’attenzione all’ambiente è prevista anche nel rendere la giornata lavorativa degli addetti piacevole e priva di pericoli per la salute. Girando nei locali produttivi sono evidenti i cartelli che suggeriscono alcune indicazioni di come operare nel migliore dei modi per raggiungere gli obiettivi che di anno in anno vengono definiti; inoltre, con fornitori e clienti cerchiamo di sviluppare sempre nuovi prodotti a basso impatto ambientale. Cerchiamo di essere umili, e cogliere quanto di buono fanno anche gli altri. Pensiamo che lavorare bene da parte di tutti possa portare l’”asticella” sempre più in alto e che questo sia positivo per tutto il mercato. Lavoriamo in prospettiva, sviluppando continuamente nuovi prodotti, assumendo nuovo personale – trenta operatori, ad esempio, nell’ultimo anno – perché riteniamo che le aziende siano fatte di persone motivate e che sia importante il ruolo sociale dell’industria.

VDL – L’azienda è cresciuta molto all’estero. Quali sono le differenze con il mercato italiano, in generale?

MS – Tutte le aziende italiane hanno la necessità di sviluppare mercati oltre confine, la nostra azienda ha ormai superato abbondantemente il 60% di vendite all’estero, sempre però con prodotti formulati e prodotti in Italia. Questo perché il mercato italiano delle vernici per il legno ha una tradizione consolidata, una capillarità di presenza di aziende e di competenze che nessun altro Paese può vantare, oltre al fatto che il mercato è ormai consolidato. Queste differenze sono utili per impostare strategie e pianificazione, dato che la complessità di mercato che troviamo qui è difficilmente riscontrabile altrove. Riuscire a replicare quello che abbiamo imparato nelle nostre aree, una diversa dall’altra, è un valore aggiunto con margini di crescita molto consistenti. La fortuna dell’Italia è quella di essere ancora il punto di riferimento per la moda e per il design, ad esempio. Ciò è dovuto anche al fatto che è cambiato moltissimo il mercato in Italia, per poter progredire è necessario rimboccarsi le maniche e mettersi insieme, cliente e fornitore, a trovare la soluzione più adatta per raggiungere un risultato. Questo è il vero valore aggiunto: lavorare insieme per poter innovare.

VDL – Negli ultimi tempi si ha la sensazione che ci sia in generale una maggiore attenzione nei confronti dell’ambiente, una maggiore consapevolezza del fatto che sia necessario cambiare rotta per migliorare ambiente e condizioni di vita. È d’accordo?

MS – Anche se ci sono punti di criticità sulla reale consapevolezza su questo argomento, la nostra azienda sta lavorando molto per percorrere una strada di miglioramento sull’impatto ambientale, non solo con formulazioni senza prodotti “pericolosi” come la formaldeide, completamente sostituita nei prodotti vernicianti all’acqua ma, ad esempio, abbiamo studiato delle latte per ridurre i rifiuti speciali migliorando contemporaneamente il carico sull’ambiente delle operazioni di verniciatura. La nuova latta Evergreen è l’ultimo dei nostri progetti che vanno in questa direzione.

VDL – Ci racconti qualcosa in più di questo progetto.

MS – La latta Evergreen è in banda stagnata internamente rivestita da un foglio di polietilene ad alta densità. Questo foglio aderisce con precisione all’interno e al fondo della latta. La novità sta nel fatto che, una volta esaurita la vernice, il foglio, che è praticamente un sacco, viene rimosso e smaltito, lasciando pulito l’interno della latta che così può essere riciclata. Qualora debba essere buttata coi rifiuti, non è considerata un rifiuto speciale. Questo vuol dire avere un sensibile risparmio sui costi di smaltimento, fino all’85%. Oltre al vantaggio ecologico, c’è anche un vantaggio tecnico, legato alla natura chimica delle vernici all’acqua. In più, la latta è un investimento completamente di Renner Italia, al cliente non costa una lira in più.

VDL – Insomma un approccio “olistico” al rispetto dell’ambiente.

MS – Questo progetto è un tassello di un concetto molto più ampio: credo che, per essere credibili, si debba coinvolgere ogni aspetto dell’azienda, senza fermarsi ad alcuni fattori legati ad esempio alle materie prime o alle confezioni. Crediamo sia importante presentare un progetto aziendale che in ogni aspetto condivida l’attenzione all’ambiente, alle risorse naturali, alla salute dell’uomo e al risparmio di energia. E’ importante anche coinvolgere i giusti clienti, quelli che vogliono intraprendere insieme una visione globale amica dell’ambiente, che considerino quest’attenzione uno strumento positivo anche in termini economici, senza fermarsi agli aspetti puramente “quantitativi”, e lo sappiano usare positivamente anche nel mercato, come messaggio di crescita etica, oltre che come spinta di vendita.

 

Il direttore commerciale Manuel Siragna in un’intervista rilasciata a Verniciatura del Legno