SALONE DEL MOBILE MILANO 2018: NATURA E TECNOLOGIA I PROTAGONISTI DELL’EVENTO

Mancano pochi giorni alla 57a edizione del Salone del Mobile.Milano, scopriamo i temi e gli appuntamenti di questo evento internazionale

Si svolgerà dal 17 al 22 aprile il Salone del Mobile 2018, la vetrina più importante per il mondo del design e dell’arredo, e mai come in questa edizione l’attenzione dell’evento è rivolto verso l’ambiente.

Sono attesi oltre 300.000 visitatori da ogni parte del mondo, 2.000 invece gli espositori che, guardando al rispetto dell’ambiente come punto di forza, presenteranno i loro progetti. La tecnologia incontra dunque la sostenibilità in prodotti e soluzioni abitative che guardano in maniera consapevole al futuro.

Il Salone si fa portabandiera della qualità, dell’innovazione e della creatività del made in Italy che quest’anno diventa green. Il Salone del Mobile è quindi testimone di un nuovo modo di fare impresa, il design diventa eco-sostenibile, partendo dai materiali e dal progetto produttivo, passando dal disegno e dallo sviluppo industriale, fino ad arrivare al piano economico e al processo di marketing.

È proprio su questo nuovo modo di fare impresa che il Salone redige il suo primo Manifesto:

«Il successo del Salone del Mobile risiede nell’instancabile rete industriale alla sua base: un sistema produttivo nato dall’incontro tra imprenditori e di piccole aziende da un lato, designer e architetti dall’altro, che insieme lavorano per creare e mostrare l’eccellenza. Oggi, però, per vincere la sfida globale dobbiamo fare ancora di più: dobbiamo puntare sull’innovazione e sulla qualità sostenibile, sulla capacità di fare sistema e cultura, sulla volontà di condividere informazioni e valorizzare le nuove generazioni – afferma Claudio Luti, Presidente del Salone del Mobile –. Per questo, anche il Salone continua a rinnovarsi e a consolidare il suo legame con Milano.Il primo Manifesto è un impegno a fare sempre meglio e un invito a Milano, la città al centro di tutto, da dove è partito tutto, a fare rete, a crescere insieme; per moltiplicare la forza centripeta e attrattiva del Salone e consolidare la città in quel place to be irrinunciabile per i grandi brand, i loro progetti, le loro risorse umane ed economiche».

 

Gli appuntamenti con il Salone Internazionale del Mobile

Il Salone Internazionale del Mobile va in scena insieme al Salone Internazione del Complemento d’Arredo, suddivisi in tre tipologie:

  • Classico: Tradizione nel Futuro che punta sull’artigianalità e sull’abilità, proprie della tradizione italiana, di realizzare mobili e oggetti di grandissimo valore
  • Design che dà spazio a prodotti non solo funzionali e innovativi, ma anche di non comune senso estetico
  • xLux, settore specificatamente dedicato all’arredamento di lusso che quest’anno mira a rileggere la tradizione in chiave contemporanea.

 

Il Salone del Mobile 2018 è inoltre l’anno delle biennali EuroCucina/FTK (Technology For the Kitchen) e Salone Internazionale del Bagno.

 

EuroCucina/FTK al Salone del Mobile di Milano

La cucina si riconferma anche quest’anno il punto focale della vita domestica. Efficienza ed evocazione saranno quindi le parole chiave della 22a edizione di EuroCucina, perché L’innovazione tecnologica deve accompagnarsi al senso di accoglienza proprio di questo ambiente. Nuove forme, colori e materiali convivono con innovazione tecnologica ed efficienza energetica, anche in cucina rimane quindi viva l’attenzione ai temi di sostenibilità ambientale.

 

Salone Internazionale del Bagno

Ancora tecnologia e sostenibilità. Efficienza idrica, massima allerta contro l’inquinamento indoor e protezione della salute, c’è questo alla base delle nuove proposte per quanto riguarda l’arredo bagno. Una sempre più consapevole attenzione al risparmio energetico non ostacola l’espressione estetica. Tecnologia, colori e accessori lavorano insieme per creare emozione e per esaltare la sensazione di benessere da vivere in questo spazio.

 

Il Salone del Mobile di Milano mette in scena “Living Nature. La natura dell’abitare”

Dal 17 al 25 aprile, in piazza del Duomo, il Salone offrirà alla città il progetto “Living Nature. La natura dell’abitare”, sviluppato insieme allo studio internazionale di design e innovazione Carlo Ratti Associato.

In un unico ambiente di 500 mq, concepito con criteri di risparmio energetico, verranno ricreate le 4 stagioni. I visitatori potranno immergersi nella natura e viverne i cambiamenti attraversando 4 microcosmi naturali e climatici: inverno, primavera, estate e autunno.

Il progetto ha come obiettivo quello di condurre tutti noi verso soluzioni sostenibili che siano realmente e facilmente applicabili. Se la climatizzazione è spesso associata a consumi eccessivi, questo progetto dimostra che la tecnologia per il controllo climatico può e deve essere sostenibile, basandosi, ad esempio, sull’uso di celle fotovoltaiche e accumulatori energetici.

Il Salone Internazionale del Mobile offre così un suo contributo per un re-greening della città. “Living Nature. La natura dell’abitare” vuole infatti testare come uno spazio, domestico o urbano, possa diventare più a misura d’uomo attraverso l’uso di risorse naturali in modo sostenibile. Il progetto offre cioè un nuovo punto di vista sulla salvaguardia delle risorse ambientali e sul cambiamento climatico, così da spingerci a migliorare le nostre condizioni di vita in casa e in città e allo stesso tempo soddisfare il nostro bisogno di “biofilia”, teorizzato dal biologo Edward O. Wilson, secondo il quale siamo tutti istintivamente attratti dalla natura e “programmati” per stare meglio quando siamo immersi in essa.

 

I temi del Salone del Mobile.Milano sono gli stessi che da sempre guidano l’operato di Renner Italia

Dentro un barattolo di vernice per legno Renner ci sono ricerca, tecnologia, creatività e tutta l’onestà intellettuale, fatta non solo di idee ma anche di comportamenti, delle persone che lavorano in quest’azienda. Da anni Renner Italia valorizza l’inventiva dei giovani e favorisce l’affermazione delle pari opportunità, il tutto con un occhio di riguardo verso l’ambiente. Nel tempo l’azienda ha favorito l’abbattimento delle emissioni e l’eliminazione delle sostanze nocive per garantire a tutti, non solo agli operatori e ai clienti, un ambiente più sano e vivibile.

Renner comunica tutta la sua positività e il suo impegno attraverso il colore, l’azienda seguirà quindi da vicino il Salone Internazionale del Mobile, perché è solo attraverso l’attento studio delle tendenze di mobili, accessori e complementi che è possibile individuare e anticipare le esigenze dell’interior e dell’exterior design in termini di colore.

È attraverso questo attento studio che Renner Italia arriva a formulare vernici bio che riescono a rispondere alle richieste di architetti e designer, elaborando nuove gamme di colore che possano dare una nuova interpretazione del legno naturale tinto.

Ora che il mercato dell’arredamento ha intrapreso la strada della sostenibilità e punta sulla definizione cromatica come elemento riconoscitivo, Renner Italia si fa trovare pronta a fare fronte a ogni tipo di domanda, grazie alla sua ampia gamma di vernici per legno, nata da un lungo lavoro di ricerca tecnologica ed estetica.